Una fase dei rilievi all'eremo della Croce Piccola

Una fase dei rilievi all’eremo della Croce Piccola

Dopo la prima fase dei rilievi, dove il nostro gruppo di tecnici ha effettuato il rilievo dell’Eremo di Sant’Agostino, siamo riusciti a completare i rilievi degli eremi della Croce Piccola, Sant’Andrea e San Nicola in grotta, tra i più difficili da raggiungere. Da qualche tempo, inoltre, avevo notato nelle immediate adiacenze dell’eremo di Sant’Andrea un paio di insenature inaccessibili a causa della folta vegetazione e questa volta insieme all’aiuto dei nostri amici siamo riusciti a ripulire gli ingressi e scoprire che non si trattava di grotte propriamente naturali ma di piccole rientranze antropizzate riadattate dall’uomo nel corso dei secoli. Senza ombra di dubbio sono due adiacenze dell’eremo di Sant’Andrea. (…)

 

 

 

More »

In data 1 Novembre 2014, la sezione tecnica del nostro gruppo, diretta dall’arch. Carla Ramunno, riprenderà il lavoro di rilievo architettonico dei seguenti eremi in agro di San Marco in Lamis: Eremo della Croce Piccola, Eremo di Sant’Andrea ed Eremo di San Nicola in grotta. Seguiranno aggiornamenti.

BARI- Ha la durata di due giorni (12-13 Giugno) l’annuale mostra didattica organizzata dalla Facoltà di Architettura del Politecnico di Bari, in cui vengono esposti all’interno del dipartimento, aperto al pubblico per l’occasione, tutti i progetti realizzati nell’arco dell’anno accademico.

I temi affrontati sono molteplici e spaziano dalla classica progettazione di un’unità abitativa alla riorganizzazione di ampie aree urbane. La mostra si sofferma anche su altre materie come: geometria descrittiva, caratteri morfologici e tipologici dell’architettura, disegno dell’architettura, laboratorio di restauro, sociologia urbana, teorie e tecniche della progettazione.

More »

di Maria Teresa Rauzino

“La vera terra inestetica non è quella che l’arte non fecondò, ma quella che, coperta di capolavori, non li sa né amare né conservare; quella che distrugge pezzo per pezzo i suoi più bei palazzi per venderne le parti a caro prezzo, per cupidigia o per nulla, ignorandone il valore; la morta terra dove l’arte non abita più, cacciata dalla sazietà, dal disgusto e dall’incomprensione.”

19 More »

E’ accaduto la notte tra il 12 ed il 13 quando alcuni balordi si sono addentrati dentro il chiostro grande del santuario di Stignano per tentare di sottrarre il prezioso pozzo architravato risalente alla seconda metà del ‘500. Non si hanno ancora fonti certe, ma probabilmente i malfattori hanno studiato precedentemente la scena del crimine: si notano infatti i materassi, tutti uguali, sul quale hanno adagiato le componenti dell’architrave, prababilmente prelevando questi direttamente dai dormitori presenti nel Santuario.

In attesa dei retroscena e degli sviluppi delle indagini, da parte delle autorità, ci preme esternare tutto il nostro sconforto per una situazione paradossale: qualche ricco committente senza scrupoli si avvale di pochi balordi spregiudicati per poter “abbellire” la sua proprietà cancellando la nostra storia e privando tutti noi di un bene collettivo e rarissimo. Ricordiamo che trovare elementi architettonici del ‘500 nel territorio di San Marco in Lamis è cosa rarissima.

Il pozzo smontato dai ladri ed il pozzo come si presentava prima

Il pozzo smontato dai ladri ed il pozzo come si presentava prima

More »

Non siamo riusciti ad accedere ai finanziamenti del FAI dopo il faticoso raggiungimento dell’8° posto. Un po’ ce lo aspettavamo a causa di alcuni incartamenti burocratici non andati proprio a buon fine, non per colpa del nostro gruppo. E’ inutile ora dire di chi è la colpa e che si poteva lavorare meglio con un po’ di serietà in più. Avevamo già pianificato un piano B per il salvataggio dell’Eremo di Sant’Agostino e lavoreremo da subito per la sua messa in atto.
Ringraziamo tutte le associazioni del Gargano e gli amici che si sono prodigati per questa nostra iniziativa.

 

invito

Si è concluso il 17 novembre c.a. il 34° Convegno Nazionale di Preistoria, Protostoria e Storia della Daunia tenutosi a San Severo presso la sala convegni Hotel Cicolella. Numerosi sono stati gli intervenuti, nomi autorevoli nel campo archeologico e tra questi la stessa Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia. In seno al convegno sono stati presentati in via ufficiale i ritrovamenti di pitture parietali, con molta probabilità risalenti all’Età del Bronzo (2000-1100 a.C. circa), scoperte e segnalate dal trentino Mario Fabbri e dal professor Severino Stea, inbattutisi nei suggestivi dipinti nel 2010, durante una delle tante perlustrazioni del territorio garganico. Inoltre sono stati presentati tre Dolmen, scoperti e segnalati sempre dal Fabbri e dallo Stea: uno in località Ripe Rosse (ritrovato nel 2012), il secondo in località S. Pasquale (ritrovato nel 2009) e l’altro in località  Valle del Sorbo (nel 2003). Ad illustrare i ritrovamenti è stato il professor Armando Gravina,collaboratore Cattedra di Paletnologia università Roma I “La Sapienza”, che dopo aver visionato le pitture, in un sopralluogo con i due, ha ritenuto opportuno darne l’ufficialità durante il  convegno.

Raffaella Rendina

More »

Gabriele Tardio

Gabriele Tardio

Ciao ragazzi,

sono Franco Ruggieri da Vieste e volevo salutarvi ed abbracciarvi. La improvvisa dipartita di Gabriele ci ha lasciato tutti sgomenti, anche a Vieste. Ho fatto un giro di telefonate e ho organizzato il Manifesto che vi allego, affisso per tutta la città. Inoltre il 23/6/2013 avevamo in programma il nostro raduno annuale e lo abbiamo dedicato a Gabriele con un grande applauso. Vi mando anche le foto che quella sera abbiamo proiettato inserendole nella proiezione delle escursioni WWF 2013.
Un abbraccio forte a voi tutti. Gabriele non ci mancherà perchè resterà per sempre con noi e nei nostri ricordi.
Franco Ruggieri

_DSC3962

Sitio web optimizado por: Diseño Web
Plugin Modo Mantenimiento patrocinado por: Plugin WordPress Maintenance